MEDIAZIONE E PROGRESSO

Dal processo macchina retrospettiva alla mediazione motore della consapevolezza della sofferenza e del rapporto con l'altro nel presente si realizza la trasformazione culturale che ha in sé lo stimolo del progresso sociale. In un coacervo di qualità dell'essere persona fra le quali dominano intelligenza emotiva riflessività capacità di ascolto atteggiamento esplorativo empatico si custodiscono le doti necessarie del mediatore intermediario di confine fra il pubblico e il privato che mette in discussione la divisione tra le discipline scientifiche tradizionali e tra le professioni giuridiche e sociali. È una trasformazione per quanto lenta e non sempre fluida che scuote le fortezze della tradizione: prima fra tutte la priorità assoluta della giurisdizione nella realtà del conflitto e nella formazione giuridica. È uno sviluppo sociale che tocca dapprima l'individuo nella relazione con l'altro e poi alimentandosi della cultura della responsabilità e del confronto generativo si riproduce nella professione e nell'impresa.

Autore:  PAOLA LUCARELLI GIUSEPPE CONTE A CURA DI
Data di pubblicazione:  01/01/2013
Pagine:  419

Gli utenti registrati possono condividere la loro esperienza avuta con questo prodotto/servizio. Registrati per accedere a tutti i benefici riservati agli utenti registrati o clicca su login se sei già registrato.